Attività

IO DONO: NON SO PER CHI MA SO PERCHE'

 

 

 Presentazione del Presidente

Un saluto di benvenuto ed un ringraziamento sentito a tutti Voi presenti questa sera. Poche parole per iniziare i lavori:

Date poca cosa se date le vostre ricchezze. È quando date voi stessi che date veramente”: Gibran Kahlil (Kaliò Gibràn) quale miglior incipit!...

«Circa diecimila trapianti illegali avvengono ogni anno nel mondo, cioè più di un trapianto all’ora ogni giorno. Su Internet si è sviluppato un vasto mercato online. È estrematamene facile contattare i trafficanti d’organi sul web. Si può ipotizzare un legame tra il traffico di organi e la scomparsa di minori o di clandestini in tutto il mondo che va ad alimentare un mercato parallelo ed illegale del trapianto. La scarsità di donatori e quindi di organi donati è il principale fattore che alimenta questo mercato. Purtroppo il tema della donazione degli organi viene trattato poco e male, per questo motivo è giusto continuare a sensibilizzare la società. Anche perché i trapianti di organi e tessuti sono la dimostrazione dei progressi raggiunti dalla medicina nella cura di tante patologie per le quali non esiste una soluzione alternativa.

 

Al fine di diffondere la cultura della Donazione degli organi e trattare tutte le questioni e le difficoltà ad essa attinenti, Il Rotary Club Manfredonia di cui mi onoro essere il Presidente, insieme alle altre meritorie Associazioni del territorio, si è fatto promotore di un incontro-dibattito con il fine ultimo di informare e sensibilizzare i giovani e la cittadinanza tutta.  “Io dono, non so per chi, ma so il perché” è il titolo dell’incontro di questa sera durante il quale alle testimonianze medico-scientifiche si intrecceranno quelle più propriamente umane, raccontate da chi ha ricominciato a vivere grazie ad una donazione; dettagli pratici e legali per una più corretta e completa presa di coscienza della tematica.

“In una società che si ubriaca di grandi discorsi, abbiamo bisogno di storie minuscole. Abbiamo bisogno di incontrare persone generose, non santi né eroi, solo buoni esempi minimalisti che di solito non finiscono sui giornali. Gente che sa decorare la propria vita con atti di generosità gratuita. E così facendo, silenziosamente, si cambiano le famiglie, le scuole, le aziende, le città.” E’ un pensiero condivisibile di Beppe Severgnini.

L’AIDO, che ci è al fianco in questa serata, da oltre 40 anni opera per sensibilizzare un numero sempre maggiore di cittadini alla condivisione e all’adesione della donazione degli organi. Occorre talvolta superare barriere culturali e pregiudizi atavici, considerare che la disponibilità alla donazione è accettata, talvolta incoraggiata, da tutte le principali religioni. In definitiva il Rotary Club Manfredonia ritiene che L’informazione porti alla formazione, la conoscenza all’adesione!

 

E’ lo scopo unico di questa serata, per cui se saremo riusciti a suscitare interesse sul tema delle donazioni anche in una sola persona lo riterremo un successo per tutta la comunità.

Voglio concludere questa introduzione affidandomi alle parole, fortemente calzanti il tema della serata, espresse da S.S. Benedetto XVI: “Una medicina dei trapianti corrispondente a un'etica della donazione esige da parte di tutti l'impegno per investire ogni possibile sforzo nella formazione e nell'informazione, così da sensibilizzare sempre più le coscienze verso una problematica che investe direttamente la vita di tante persone. Sarà necessario, pertanto, fugare pregiudizi e malintesi, dissipare diffidenze e paure per sostituirle con certezze e garanzie in modo da permettere l'accrescersi in tutti di una sempre più diffusa consapevolezza del grande dono della vita.”

Ed è con questo autorevole auspicio che passo a presentarvi i relatori della serata, che ringrazio anticipatamente per tutto quello che faranno:

 

-  Carmine Mione, Dirigente Medico anestesista presso la Casa Sollievo della Sofferenza, e referente per le Donazioni d’0rgano;

-  M. Antonietta Totta, ostetrica presso Casa Sollievo della Sofferenza, referente per la Donazione del cordone ombelicale, nonchè presidente AMMI di Manfredonia;

-  Vito Scarola, Vice presidente nazionale AIDO e referente regionale, Past President del Rotary Club Bari, che fungerà da moderatore della serata.

 

 

                                                 Comunicato Stampa

Al fine di diffondere la cultura della 'donazione degli organi' e trattare tutte le questioni e le difficoltà ad essa attinenti, il Rotary Club Manfredonia, insieme ad altre meritorie Associazioni del territorio, si è fatto promotore di un convegno con lo scopo di informare e sensibilizzare i giovani e la cittadinanza tutta.

“Io dono: non so per chi ma so il perché” è il tema dell'incontro-dibattito che si e tenuto venerdì 10 novembre a Manfredonia, durante il quale si sono intrecciate le testimonianze medico-scientifiche e quelle più propriamente umane, raccontate da coloro che hanno ricominciato a vivere grazie ad una donazione.

“Il trapianto di organi - spiega il presidente del Rotary Pasquale Frattaruolo - è una tematica antica ma sempre attuale non solo per le attese legate ai progressi scientifici ottenuti in materia ma altresì per le inevitabili ripercussioni che la stessa riflette sull'opinione pubblica, considerato il profondo coinvolgimento emotivo di quanti sono chiamati a prendere una decisione che tocca ambiti profondamente intimi da cui scaturiscono dubbi e paure. Dunque, una materia di non facile trattazione e di fatto disciplinata molto dettagliatamente dalla normativa sanitaria di settore, sotto l'egida del Ministero della Salute. Abbiamo ritenuto utile fornire un ulteriore contributo all'approfondimento e alla conoscenza del tema attraverso la voce di chi quotidianamente con esso si confronta e può aiutarci a fare chiarezza sulle procedure e gli step relativi alla donazione di organi, tessuti e cellule, nonché sugli istituti di diritto a tutela del donatore e del ricevente”.

Dopo il saluto del presidente del club, del rappresentante della Diocesi e dell'assessore Noemi Frattarolo per l'Amministrazione Comunale, sono intervenuti: Vito Scarola, vicepresidente nazionale Aido (Il dono della vita, trapianto di organi, tessuti e cellule); Carmine Mione, dirigente medico struttura semplice di rianimazione ospedale Casa Sollievo (Valutazione del potenziale donatore); M. Antonietta Totta, ostetrica Casa Sollievo e presidente AMMI – Associazione mogli medici italiani sezione di Manfredonia (L'ostetrica e il prelievo di sangue dal cordone ombelicale). La cittadinanza e le Associazioni coinvolte hanno seguito con attenzione ed interesse tutte le tematiche svolte.

Anna Maria Vitulano

 

 

Il Presidente Pasquale Frattaruolo e la Dottoressa M.Antonietta Totta, ostetrica presso la Casa Sollievo della Sofferenza, Presidente AMMI, Associazione Mogli Medici Italiani, Sezione di Manfredonia, nonchè referente per la Donazione del Cordone Ombelicale.   

 

 


Rotary Club

Anno di fondazione: 15 aprile 1981
Anno Rotariano in corso: 2020/2021
Presidente: Raffaele Fatone 
Cod. Fis. IT 92008270719  
        

Distretto 2120

di Puglia e Basilicata

La Sede, il Territorio

Contattaci

Per contattarci invia un messaggio al seguente indirizzo di posta elettronica

info@rotaryclubmanfredonia.it

Per informazioni

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by Age Themes